Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso.

 

TAMBURELLO

Instrument of the Italian folk tradition, used even today in central and southern Italy, mainly in traditional contexts or to accompany dancing and traditional instrument like accordions and Zampogna (italian bagpipes).
The shell Is traditionally build with soft and light woods (like beech or maple)
The membrane in the traditional instruments is usually made by goatskin , but in some regional variations (in Marche and Calabria region) can be used skins rabbit or sheep, or in rares cases with cat skins, more fat and elastic.
The jingles are made by cooked Tin, or brass.

In modern musical attitude this tambourine offer sounds interesting and versatile in every genre (Early music, popular and modern) and style.
Even if it is an instrument of popular music, it is very used in classical contest and in orchestra.
In recent years the instrument had a huge evolution in therms of technique and use of matherials. This evolution was possible after the intervention maded by some performers like Alfio Antico and Arnaldo Vacca, who have developed the techniques , and used the Tamburello in Jazz, Pop and in others modern music context.

 

Strumento della tradizione popolare italiana, Usato ancora oggi nel centro sud Italia,  con prevalenza nei contesti tradizionale o per accompagnare il ballo e gli organetti o zampogna nella maniera più tradizionale.

Monta pelle di capra o capretto, ma in alcune varianti regionali ( Marche, Calabria ) possono essere usate pelli di lepre o pecora, o ancora più grasse come pelli di gatto.

Negli ultimi anni lo strumento ha avuto una grande evoluzione tecnica successivamente a un rimodernamento dei materiali e, grazie allo studio ed alle evoluzioni e di alcuni esecutori storici dello strumento quali Alfio Antico e Arnaldo Vacca, che hanno lo hanno evoluto in ambito moderno.

Nella tecnica moderna il tamburello offre sonorità interessanti ed è versatile in ogni genere (Musica antica popolare e moderna) e stile musicale.

 

 


 

TAMMORRA

Is the percussion instrument of traditional music in Neapolitan area.
Made with light wood,natural goatskin, with 5 couple of large Tin cymbals. Is usually accompain by others traditional percussion like Trikkebballakke, Castagnette. Usually is Played with melodic instruments like Zampogna (italian Bagpipes) and Accordeon, or to accompany the sistrum an particular very ancient Double-flute, like in the Giulianese style. Is the main acconpainment instrument of the soloist singers in Tammorriata style.

The tammorra Is Used mainly in popular devotional contexts in which traditional performers accompany religious ceremonies and ritual events of ancient origin. Today is also very comun to use it in more modern context like party or wedding celebrations.

 

Strumento della tradizione Napoletana-Campana con cornice di Legno e pelle di capretto, con grandi cembali disposti singolarmente lungo la cornice.

Usato principalmente in contesti popolare-devozionali nella quale esecutori tradizionali accompagnano cerimonie religiose e manifestazioni rituali di antichissima origine.

Viene Usata per accompagnare il canto, strumenti melodici come chitarra battente, Marranzano. Zampogna , violino .o per accompagnare il Sistro, un antico flauto di canna.

 

  

 


 

RIQQ

This small and heavy percussion instrument, is part of the family of Arab drums, it is mainly used in North Africa Turkey, Israel , Libanon.

Is used by classical ensembles of instrumental Turkey Repertoire, it have a big role into all the anatolian area. With the Kudum is the base of rhytmical Classical Ottoman repertoire .
The caracter of this Frame Drums is special , and like the tamburello is possible to find also modern and POP version of playng , Important artist like Mehmet Akatay gave to the Riqq the opportunity to crossover the oriental music line, to the Pop and Rock repertoires. The other master Zohar Fresco developed longer more than 15 years, hand teckniques tointroduce this multiface percussion in Jazz .
The instrument's sound is brilliant and full of dynamic. This caracteristics permitt to the player to use it in two positions: first soft position with sound very suite and elegant, perfect to accompany classical Ottoman instruments like Ney and Ud, with atmosphere and semplicity,
but also as a rhythm powerfull instrument , like the accompainment of north african dances rhythms like Maqsoum, and all of belly dance repertoire.

Details: the sizes of Riqq is usually of 20 cm, 25 cm, the shell is made with strong and heavy wood with 10 spaces for the big cymbals of basical brass, hammered by hand. The membrane of this drums is normally made by very tense type of leather, like goatskin or more usually with fishskin, very tight and dry, in modern variants you can find models with modern system of tuning and customing, sometimes is used synthetic leather ,that offer more stability to the player.

 

Strumento appartenente alla famiglia dei tamburi arabi e principalmente usato nel nord Africa in Turchia e in Siria.

Suonato in ambito popolare e classico in innumerevoli contesti e applicazioni.

Particolari sono le caratteristiche riguardanti i materiali, una robusta cornice di legno appesantito, sostiene cembali di ottone grosso e pelle di Pesce molto tesa e secca.

Nelle varianti moderne è possibile trovare modelli con pelli sintetiche.

Il suono dello strumento è brillante e dinamico e si presta molto bene per accompagnare strumenti classici come Ud e Flauti, ma anche come strumento ritmico della danza del ventre e del ballo.

 
  

 


 

DAF

Big frame drum traditional in Turkey, Kurdistan and Iran.
Is one of the most old frame drum in Asia and his use is very developed in all of Indoeuroean area.
This variant has some unique characteristics as the narrow frame that tends goat or fish skin, inside the frame supports many small rings that enrich the instrument sound when it is set in motion by playing it.

Is the main percussion used from the Dervish dance, in Sufi celebrations.

 

Tamburo a cornice della tradizione Curda e dell’Iran.

Questa variante presenta delle caratteristiche peculiari come la stretta cornice che tende pelle di pesce o di capretto, all'interno la cornice sostiene tanti piccoli anelli che arricchiscono il suono dello strumento quando questo viene messo in movimento suonandolo.

 

 

 


 

CASTAGNETTE 

These tools are common throughout the Indo-European area in countless variations. Widespread today in North India with the name of Khartal, used in Tajikistan and Uzbekistan too, in metal variant .

They are constructed in various materials ranging from wood to stone noble bone and metal, in Central Asia.

Found in the miniatures of the ancient texts of the European Union and used to accompany repertoires of ancient music today Italy and Germany North Of Spain.

 

Questi strumenti sono diffusi in tutta l’area indoeuropea in innumerevoli varianti. Molto diffuse oggi in india del Nord con il Nome di Khartal, o nel Tagikistan e Uzbekistan.

Sono costruite in vari materiali che vanno dal legno nobile alla pietra l’osso e metallo, nell'Asia centrale.

Ritrovate nelle miniature di testi antichi dell’area Europea e usate per accompagnare repertori di musica antica ancora oggi Italia Germania e Nord Della Spagna.

 

  


 

TAR: tamburo a cornice semplice, senza piattini o cembali, appartenente alle culture del sud europa e mediterraneo . Una pelle di Capra, Vitello , pesce o pecora , tesa in cornice di faggio o acero. E’ sicuramente lo strumento più antico della famiglia, diretto discendente dal setaccio e utilizzato in numerose tecniche per accompagnare repertori acustico-strumentali. Oggi è possibile trovare modelli moderni con Pelli sintetiche e strutture solide e raffinate con possibilità di accordature della tonalità mediante tensione della membrana.

Usato in Turchia e Iran nelle cerimonie religiose Sufi, nell'accompagnamento del ballo e altri strumenti acustici ma anche nella pratica di repertori classici e orchestrali.


 

CAJON: lo strumento è di origine sudamericana, non è altro che una scatola di legno con cordiera interna, che percossa nel lato più sottile produce sonorità che ricordano quelle della batteria o gli strumenti afrocubani . Molto usato in ambito tradizionale per accompagnare manifestazioni folkloristiche in Perù e nel resto sud America.

Grazie all'opera del percussionista Ruben Dantas, lo strumento ha trovato diffusione dagli ultimi 20 anni anche in Europa, specialmente In ambito jazz e flamenco. Oggi è una delle più diffuse percussioni usate in ambito acustico.

 


 

BENDIR: questa variante del Tar, presenta delle caratteristiche costruttive che lo rendono peculiare. La cornice dello strumento di media dimensione presenta una cassa piuttosto profonda che tende una pelle di capretto o nelle varianti moderne, sintetica. All’interno dello strumento teso sulla superficie interna della pelle, è montata un cordino di budello naturale, che funge da risuonatore e vibra quando percossa, producendo una tonalità definita. Nelle varianti moderne è possibile trovare lo strumento accordabile e con cordino sintetico.

 

   

 

 

 

 

 

 

 

 

Copyright © 2014 - PaoloRossettiMurittu.com - Powered by Crizoto.com
sound by Jbgmusic